Stage in finlandia

finlandia

Il programma Leonardo Da Vinci, gestito dallo IAL Piemonte, è un'iniziativa dell' Unione Europea finalizzata a facilitare la mobilità dei giovani dell' Unione. Il programma offre la possibilità di imparare una lingua e conoscere un paese estero attraverso un' esperienza di lavoro della durata di 5 o 8 settimane. Il programma Travel stage X ha coinvolto Finlandia, Francia, Germania, Olanda, Regno Unito e Spagna.


L'allievo GIANLUCA LO PRESTI della IV Cp5 dell'Istituto tecnico per Geometri: “G. Guarini” di Torino così racconta la sua esperienza:
Tutto ha inizio intorno a dicembre 2005 quando il coordinatore di classe ci presenta l' opportunità di partecipare ad uno stage all'estero.
Come ogni anno la nostra scuola a febbraio manda al colloquio i ragazzi di terza e quarta che fanno domanda.
Io e un mio compagno ci presentiamo: in tutto siamo in 6 del I.T.G Guarini.
Dopo il colloquio, ad aprile vengo informato di essere stato scelto ma non conosco ancora la meta poiché ho espresso più possibilità.
A giugno viene convocata dallo IAL Piemonte una riunione tra coloro che partiranno, a cui partecipo e in cui vengono somministrate le prove di team building, lavoro di squadra, e vengono fornite le prime informazioni sulla partenza.
La mia destinazione è Mikkeli, in Finlandia.

Il 1 settembre partecipo alla seconda riunione, in cui ci viene distribuito il materiale completo per il viaggio.

Il mio stage in Finlandia inizia il 6 settembre 2006.
Passata la prima notte nella città di Tampere, ci spostiamo in 8 a Mikkeli, dove troviamo alloggio temporaneo presso un hotel.

Passiamo i primi 3 giorni nell' Uusikuu hotelli dove prendiamo confidenza con la realtà in cui ci siamo calati e facciamo le prime conoscenze.


Lunedì 11 settembre dopo lo spostamento definitivo presso la Suomen Nuoriso Opisto facciamo conoscenza con quelli che saranno i nostri teacher. Il mio si chiama Esko ed insegna topografia.
All'interno del college il nostro responsabile è Kalle che ci aiuta ad inserirci e viene a farci qualche visita.

I giorni seguenti (13-14 settembre) mi reco insieme alla mia tutor Enni,una studentessa di 20 anni, ed altre 2 persone nei dintorni di Kangasniemi, paese a 60 km da Mikkeli; dove in un bosco facciamo dei rilievi topografici con la stazione totale, modificando dei confini preesistenti.

Il venerdì mi viene concesso il giorno libero, come di norma in quella sezione della scuola.

La settimana seguente chiedo di essere trasferito presso la scuola e non più destinato a questo tipo di lavoro per due motivi:

1_Il mio impegno è molto limitato: devo solo guardare qualche volta nell'obbiettivo della stazione totale e poi schiacciare un pulsante, sotto suggerimento di una persona.
Da notare che in tutta la giornata (dalle 8 alle 15 del pomeriggio) eseguo questa operazione 2 o 3 volte e il resto del tempo guardo coloro che sono insieme a me per svolgere il lavoro,che parlano esclusivamente finlandese e pochissimo inglese. A mio parere, questo non è molto utile perchè non partecipo attivamente. Ho la consapevolezza che in quelle condizioni potrò imparare poco

2_Ho più interesse per le materie relative all’edilizia, voglio approfondire la conoscenza di tecniche costruttive, mentre il lavoro che mi è assegnato mi porta ad eseguire operazioni di cui non so niente e che non ho ancora trattato a scuola.
Vengo accontentato.
Ma il programma a questo punto viene annullato e non c'è il tempo per crearne un altro, perciò vengo inserito nella classe come uno studente del Mast.
Partecipo alle lezioni pratiche: eseguiamo ugualmente dei rilievi ma all'interno della scuola vengo seguito di piu perchè ci sono i professori e gli altri studenti che mi aiutano.

Partecipo a una lezione di topografia (in finlandese) ma capisco ugualmente poiché sono argomenti spiegati durante l'anno scolastico e svolgo degli esercizi.
Mi abituo addirittura agli orari, con il pranzo alle 10 e mezza del mattino!
Il penultimo giorno mi portano finalmente a visitare un cantiere edile del Mast dove mi spiegano le tecniche per la costruzione del telaio in legno, delle pareti e del sistema di riscaldamento.

Durante il periodo a scuola passo la mattinata con la mia squadra nel parcheggio a rilevare e acquisire i dati dei punti topografici e svolgo dei lavoretti al computer.
L'ultimo giorno di stage visito l'università e un professore mi fa una lezioncina sui sistemi moderni di progettazione con AutoCad e simulazione. Nonostante la lezione sia in Inglese capisco quasi tutto ed è interessantissimo.

Sul piano personale questa esperienza mi ha fatto maturare, sono stato indipendente ed ho imparato a gestirmi con una buona organizzazione personale. Mi sono trovato benissimo e non ho avuto problemi anche grazie al mio gruppo che era molto unito: grazie a loro ho passato un bellissimo mese.

I rapporti con i finlandesi invece sono stati un po' meno "intensi": non ho stretto delle amicizie poiché era difficile comunicare, anche in inglese e non hanno mostrato molto interesse nei nostri confronti.

Le uniche "amicizie" sono nate all'interno del college con dei ragazzi finlandesi che ci venivano a trovare spesso, e con cui scambiavamo due parole alla sera
Durante questo periodo abbiamo fatto un'escursione in barca durata tutta la mattinata. Abbiamo visitato la Lapponia, in particolare la città di Rovaniemi, ed anche Helsinki e Tampere.

In tutte queste gite, in cui ovviamente eravamo soli, siamo riusciti benissimo a cavarcela sia nell'organizzazione sia nelle comunicazioni: è stata ???? ?un' ulteriore prova per me.

Un grande ringraziamento va a Sharon, la nostra insegnante di cultura che ha fatto un grandissimo lavoro con noi, più del necessario e ci ha trattati veramente come dei figli, ci ha accompagnato, talvolta ci ha offerto da mangiare e ci ha ospitati:è stata veramente una presenza fondamentale.

In fine un grandissimo ringraziamento va a Gino Gomba che ci ha preparati durante il viaggio e introdotti bene in questa realtà ci ha molto aiutato ed è stato sempre presente via telefono. Grandissima persona!
Gianluca Lo Presti
Istituto Tecnico per Geometri “G. Guarini” 
Torino 
Classe V C p5

Il responsabile dei Progetti Stage dell’ITG “G. Guarini” è il prof. Vincenzo Zito.

Ultimo aggiornamento: 2011-11-08 14:55:48